Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

San Giuliano Milanese

www.sangiulianonline.it


San Giuliano Milanese è un comune posto a 11 Km. da Milano, in zona sud-est lungo la Via Emilia. Il territorio ha una superficie di 32 km quadrati circa ed è composto da frazioni, dal passato glorioso: Viboldone (sede di una famosa Abbazia romanica del 1176-1348 ), Zivido (teatro dell'importante Battaglia dei Giganti, 1515), Borgolombardo, Sesto Ulteriano, Mezzano, e ancora Cologno, Pedriano, Carpianello, sedi di antichi e ben conservati nuclei cascinali.La strada, ora conosciuta come Via Emilia, dal nome del console romano che la fece costruire, attraversa tutto il territorio comunale e reca testimonianze archeologiche un po' ovunque, ma principalmente nella necropoli rinvenuta alla fine dell'800 nella sopraccitata Mezzano, dove vi sono resti gallo - romani. La presenza romana ancora oggi si nota essenzialmente nell'organizzazione agricola che essi seppero dare con la costruzione di un reticolo di canali atti a bonificare gli acquitrini e le bassure del Lambro.

Un ulteriore e ingente lavoro di ingegneria agricola portò, a partire dal XI sec. d.C. alla nascita delle famose marcite e dei fontanili , utilizzati ancora oggi nelle nostre campagne. Queste opere, altamente innovative per l'epoca, furono realizzate da un gruppo di Frati Umiliati che si insediarono a Vico Boldonis (Viboldone) nel 1176 e stipularono un accordo con il prevosto parroco di S. Giuliano per la costruzione di una loro chiesa: l'Abbazia di Viboldone, dedicata ai Santi Pietro e Paolo. Fu questa una delle prime Case dell'Ordine e certamente una delle più celebri degli Umiliati, poiché rappresenta un esempio caratteristico del ricco complesso conventuale Humiliatorum. Il movimento degli Umiliati va inquadrato nel complesso dei movimenti pauperistici che si svilupparono a Milano nel XI e XII secolo. Sposarono una condotta di vita a metà strada tra gli agostiniani e i benedettini, perdendo però nei secoli l'originario spirito evangelico, tanto da meritare nel 1571 la scomunica papale, che ne sanciva lo scioglimento a causa del decadimento degli ideali morali. L'abbazia a quel tempo era proprietaria di gran parte dei terreni di San Giuliano posti alla destra della Via Emilia. Seguirono passaggi vari e oscuri, sino a quando, dopo il XIII sec., queste terre passarono in mano alla nobile famiglia guelfa dei Brivio.

I Brivio divennero presto i possessori di tutte le terre poste tra la strada romana e il Lambro, da San Donato sino a Melegnano. Trasformarono nel XVII un'arcigna rocca, eretta dal Comune di Milano a difesa del confine milanese sul Lambro, nella loro ricca e sfarzosa dimora estiva che ancora oggi conserva la medesima, solenne atmosfera. Il periodo aureo della famiglia corre, infatti, tra il XV e il XVII secolo, quando alcuni dei suoi membri furono insigniti delle più alte cariche dello Stato milanese. La costante fedeltà dei Brivio alle arti del ducato milanese fu premiata con la concessione di abbinare il casato degli Sforza a quello dei Brivio, che da allora si chiamano Brivio - Sforza.

Fu proprio sulle terre degli Sforza che ebbe a svolgersi la terrificante "Battaglia dei Giganti", causata dalle pretese dinastiche di Francesco I, re di Francia, sul ducato di Milano. Dopo aver approntato un poderoso esercito, il re dei francesi entrò a San Giuliano il 12 Settembre 1515, dando fuoco a tutte le case poste sul suo cammino, per poi ritirarsi dietro l'approntata linea difensiva, il cui quartiere generale era nella cascina di Santa Brera. A contrastare le armate francesi vi furono le truppe svizzere assoldate da Massimiliano Sforza, duca di Milano: 10.000 mercenari che si attestarono a San Giuliano, ancora fumante per la distruzione subita. La battaglia provocò circa 12.000 vittime e si meritò l'appellativo di Battaglia dei Giganti,dalla storica frase del Maresciallo Trivulzio" …Non di uomini ma di giganti…", riferita ai soldati che si batterono fra loro in quei giorni.

Il ducato di Milano passò così alla Francia, mentre per gli svizzeri la pesante sconfitta segnò l'inizio della neutralità bellica, tuttora mantenuta. Sui campi di battaglia sorsero diversi luoghi di culto per onorare i caduti, visitabili ancora oggi: Cascina Occhiò ospita infatti un'antica chiesetta costruita sopra un tumulo di resti umani. Anche Mezzano, nella cappelletta - ossario posta a fianco della suggestiva chiesa di Santa Maria della Neve, custodisce numerose spoglie dei caduti. La cripta della splendida chiesa di Zivido, infine, accoglie la maggior parte dei corpi tanto da ospitare ogni anno, nella 2°domenica di Settembre, la rievocazione storica della Battaglia di Marignano, manifestazione a cui partecipano, tra gli altri, insigni rappresentanti istituzionali francesi e svizzeri.

Tra il XVII e il XVIII secolo le terre sangiulianesi diventarono un feudo di diverse famiglie, mentre gli avvenimenti storici milanesi si ripercuotevano nel bene e nel male sulla vicina San Giuliano. Testimoniano gli archivi storici che la città, sorgendo a lato della via Emilia, vide infatti sfilare nei secoli cortei ed ambascerie varie, che si fermarono a Viboldone prima di entrare in Milano: papi e re, ministri e uomini di stato, e, purtroppo, i tanti eserciti, che depredarono case e botteghe, da Napoleone Bonaparte nel 1796 alle milizie tedesche nel 1943-45. Non è perciò un caso che alla Guerra di Liberazione abbia partecipato un alto numero di sangiulianesi, morti nei campi di concentramento in Germania, il cui ricordo e sacrificio è viva testimonianza del valore della pace.

(Fonte delle notizie contenute in questa sezione è il libro "San Giuliano Milanese: una storia da raccontare" di Luciano Previato)

Da vedere


Abbazia di Viboldone
Il complesso monastico dell'Abbazia di S. Pietro in Viboldone fu costruito dai frati Umiliati a partire dal 1176 (epoca a cui risalgono le strutture più antiche) e terminato nel 1348, data di costruzione della facciata e degli affreschi posti all'interno.Lo stile architettonico, caratterizzato dall'esaltazione della semplicità delle linee, ne fa una delle migliori interpretazioni della transizione dallo stile romanico al nascente gotico (visibile negli archi acuti e nelle volte a crociera).La sua costruzione dovuta alla collaborazione di un architetto lombardo e di un architetto e scultore toscano, forse il pisano Giovanni da Balduccio.Gli affreschi all'interno, riportati alla luce e restaurati negli anni '30, sono attribuiti ad artisti della scuola di Giotto, venuti in Lombardia per sfuggire all'epidemia di peste diffusa a Firenze in quegli anni.


Rocca Brivio

Il nome di Rocca deriva dal fatto, che in origine, la costruzione fu uno dei baluardi difensivi eretti lungo la strada Milano - Lodi nell'alto Medioevo, all'epoca delle guerre che opposero il Comune di Milano al Comune di Lodi. L'edificio attuale fu costruito nel 1600 dai marchesi Brivio sulle rovine del castello preesistente.Fu al centro di importanti episodi bellici, come la Battaglia di Marignano del 1515 e nel 1859, quando in data 8 giugno Napoleone III e Vittorio Emanuele II entrarono vittoriosi a Milano, sconfiggendo gli austriaci.Dal punto di vista architettonico si tratta di un palazzo barocco costruito con uno schema piuttosto elaborato: la parte a nord - ovest ospita una cappella gentilizia, ricca di stucchi e dorature tipicamente seicentesche. L'ingresso presenta un grande portale con un cancello in ferro battuto di splendida fattura, opera di un artigiano melegnanese del 1700, ricco di volute e arabeschi. Dal 1996 è proprietà comunale e ospita nei suoi saloni dai soffitti affrescati e dai grandi camini, mostre di pittura, concerti di musica classica e convegni di rilevanza nazionale.


Chiesa della Natività di Maria

Costruita nel 1467, Un esempio di architettura di stile romanico ed ricca di testimonianze storiche: nella sua cripta sono infatti conservati i resti di molti caduti della Battaglia dei Giganti. All'interno si trovano alcune lapidi di nobili francesi, mentre all'esterno notiamo una lapide sepolcrale di epoca romana ed un monumento ai caduti, costruito dallo scultore ticinese Joseph Besta.


Castello Brivio Sforza

Proprietà dei Brivio , fu costruito probabilmente secoli addietro poichè la torre, tra le poche parti non distrutte nel corso della battaglia di Marignano del 1515, presenta un'architettura tipicamente medioevale. Nel grande salone e in alcune sale del castello, vi sono pregevoli affreschi ancora ben conservati.


Museo Contadino Cascina Carlotta - via Tolstoj Zivido

Nella frazione di Zivido, presso la Cascina Carlotta, è da visitare il Museo della Civiltà Contadina, realizzato dalla signora Luisa Carminati Viganò. L'azienda agricola di proprietà della famiglia Viganò da generazioni, vanta una ricchissima raccolta di oggetti a cavallo tra ‘800 e ‘900, allestita con amore da mamma Luisa nel 1979, nell’ala più antica e nella vecchia scuderia: il lavoro, la vita in cascina, la ricostruzione di ambienti sono accompagnati da una straordinaria rassegna di disegni, in cui la fondatrice spiega quanto esposto.
Visite guidate su appuntamento: Elisabetta Viganò, tel. 02 9840928.


Museo Temporaneo di Quartiere "Foresta nascosta"

"Foresta Nascosta" è una raccolta di immagini, memorie e racconti per riscoprire l'albero genealogico delle famiglie di S.Giuliano: un lavoro sulla storia contemporanea della città che ha coinvolto gli abitanti in una sorta di autoritratto collettivo. Tutto questo ha dato vita nel 2009 al Museo Temporaneo di Quartiere, composto da due container posizionati in alcuni quartieri cittadini, dove sono state esposte e raccontate le storie raccolte dagli abitanti del vecchio centro storico e del quartiere Serenella. Per conoscere "Foresta Nascosta", consulta il sito.

CERCA NEL SITO

SELEZIONATI PER VOI...

Tieniti aggiornato sugli avvenimenti nel parco