Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

San Donato Milanese

www.comune.sandonatomilanese.mi.it


Si fa risalire all'epoca preromana la prima fondazione del nucleo che avrebbe dato origine all'attuale San Donato. In particolare sembra che Etruschi, Liguri, Umbri e, soprattutto, Celto-Galli abitassero la vasta pianura che va da Melegnano a Milano, e che all'epoca presentava caratteristiche molto diverse da oggi: ai fitti boschi vicini al capoluogo lombardo si sostituivano, man mano che ci si avvicinava a Melegnano, le paludi create dai numerosi corsi d'acqua.

Ai primi abitanti succedettero, intorno al 222 a.C., i Romani, che occuparono la bassa Pianura Padana. La realizzazione di vie di comunicazione fu uno dei tratti specifici della dominazione romana: nel 333 d.C. esisteva la strada consolare Mediolanum - Laus Pompeia, che, lunga 16 miglia, permetteva di raggiungere Lodi da Milano, e proseguiva poi in direzione sud. Della via Emilia sappiamo che il secondo miglio cadeva poco dopo l'attuale piazzale Lodi, il terzo miglio a Rogoredo, il quarto all'incrocio tra San Martino e Triulzio, il quinto miglio, "ad quintum lapidem", cadeva a San Donato, il sesto a Borgolombardo, il settimo a San Giuliano, all'incrocio con Carpianello, l'ottavo all'altezza dell'attuale Occhiò e il nono alla cascina Rampina, dove si trovava la "Mutatio ad Nonum", cioè il cambio di cavalli con servizi annessi per i passeggeri.
All'altezza di ogni miliario la via principale incrociava un'altra strada: lì furono fondate le chiese (San Martino, San Donato, San Giuliano) attorno alle quali si formarono i nuclei abitati che nel corso dei secoli diedero origine agli attuali paesi e città.

Successive notizie di San Donato risalgono ai tempi dei Longobardi, allorché Grimoaldo, duca di Benevento e amico del Vescovo d'Arezzo, nonostante la sua fede ariana, risalì in Italia, ufficialmente in aiuto di Gotoperto che aveva usurpato il trono del fratello Bertarico. Grimoaldo (VII secolo), che in realtà aveva delle mire su Pavia, portava con sé un poderoso esercito composto tra l'altro da un nutrito stuolo di militari aretini, a cui la tradizione attribuisce la fondazione della prima pieve di San Donato.

Dopo i Longobardi vennero i Franchi, i Carolingi, quindi gli Ottoni e, quando nel XII secolo vennero per i milanesi i tempi tumultuosi che videro l'avvento al trono di Corrado di Franconia e la ribellione del vescovo Anselmo IV da Pusteria al legittimo papa Innocenzo II, si fece avanti l'umile abate Bernardo di Clairvaux e grande fu la sua opera di pacificazione.

Fu per gratitudine che i milanesi vollero edificare, per lui e i suoi seguaci, un monastero, la cui costruzione ebbe inizio nel 1135 su un terreno acquitrinoso a Rovegnano (l'attuale Chiaravalle), nei pressi di Bagnolo. E per San Donato l'abbazia rappresentò non solo un luogo di preghiera, ma anche il centro di importanti opere di miglioramento della zona. I monaci infatti promossero un'opera di bonifica vasta e profonda, trasformando quest'area paludosa in terreni altamente produttivi, grazie alla creazione di un complesso sistema di rogge e canali d'irrigazione.

L'abbazia di Chiaravalle, con la sua mistica bellezza, riuscì a incantare persino Federico Barbarossa, che, come scrive il cronista Sire Raul, nel 1158, durante la sua seconda discesa in Italia, cercò di lottare contro le autonomie locali, in particolar modo contro Milano. Il campo imperiale fu posto a Bolzanum - l'attuale borgo di Bolgiano - dove il Barbarossa si trattenne per una settimana: fu lì che il popolo milanese, guidato dal vescovo Oberto, si recò, in atto di sottomissione, con i piedi nudi e le spade sopra il collo.

San Donato con il tempo diveniva sempre più prospera e ubertosa grazie al validissimo sistema di irrigazione e ai molti mulini costruiti sulle rogge, sul Lambro e sulla Vettabbia, nonché punto strategico di battaglie e scontri che hanno segnato la storia del territorio. Le cronache ricordano lo scontro del 13 luglio 1278 tra le opposte fazioni dei Torriani e dei Visconti, e meno di tre secoli dopo, fra il 13 e il 14 settembre 1515, l'aspra battaglia di Marignano, combattuta in una vasta zona che andava da Melegnano (all'epoca denominata Marignano) a San Donato, che vide opposte le truppe francesi all'esercito svizzero e ai Lanzichenecchi, sostenitori degli Sforza; dopo la battaglia (detta dei Giganti), e passata alla storia per aver costituito l'atto di nascita della secolare neutralità svizzera, il vincitore Francesco I si acquartierò presso la casa dei principi Rasini (attuale Cascina Roma), in attesa di prendere possesso di Milano.

Degna di rilievo è la notizia che proprio in questi anni, e precisamente nel 1561, la famiglia dei marchesi D'Adda fece costruire in San Donato una chiesetta detta Oratorio di Santa Croce, cui verrà annessa una casa per poveri fanciulli; questo sarà il primo orfanotrofio della provincia di Milano dei Padri Somaschi di San Martino e da San Martino i bambini prenderanno il nome di Martinitt.
Intanto proseguiva l'opera di bonifica, durata sino al XIX secolo: si deviarono i corsi dei canali già esistenti, come la roggia Spazzola, il canale Certosa, la Vettabbia, il Redefossi.

In San Donato, di nuovo si ebbero tempi difficili con la venuta del giovane ufficiale Napoleone Bonaparte, i cui soldati, nel raggiungere Milano da Lodi, transitarono da qui con grande tracotanza.
Con gli Austriaci dominatori in Lombardia, San Donato fu messa ancora in posizione di rilievo: vi furono istituite infatti le prime classi elementari e a Chiaravalle era possibile usufruire dei servizi di un'ostetrica e di una farmacia.

Quando scoppiarono le Cinque Giornate di Milano (18-22 marzo 1848), San Donato offrì alla causa il suo aiuto incondizionato, accettando di distruggere i ponti sui suoi canali e di sbarrare con fosse le strade per impedire la fuga al nemico.
Purtroppo si trattò di un inutile sacrificio. Milano infatti cadde nuovamente in mano agli Austriaci. Fu proprio a San Donato che i vincitori imposero le condizioni di resa: nella sala prospiciente il cortile della Cascina Roma il 5 agosto 1848 avvenne la firma dei preliminari per l'armistizio tra Austriaci e Piemontesi, conosciuto come armistizio Salasco, che mise fine alla prima fase della Prima Guerra d'Indipendenza. Alla presenza del conte Salasco, del podestà di Milano e del maresciallo Radestzky, che aveva posto il suo quartier generale presso la cascina, si consuma qui tristemente l'epilogo eroico delle Cinque Giornate.

Nel 1880 un avvenimento importante per lo sviluppo economico e sociale della città fu l'inaugurazione della prima linea ferroviaria che da Porta Romana giungeva sino a Lodi: il famoso "gamba de legn" della Società dei Tramwais Interprovinciali.

San Donato cresceva intanto di popolazione e importanza e dava il suo contributo di uomini ed eroi alla Grande Guerra, alla Seconda Guerra Mondiale e quindi alla Resistenza.
Nel secondo dopoguerra San Donato ha subito una trasformazione radicale: da piccolo paese di contadini e fittavoli, luogo di sosta lungo la via Emilia a sole cinque miglia da Milano, è divenuta un'importante città, ufficialmente riconosciuta nel 1976.

L'insediamento in questo comune del centro direzionale E.N.I., lo sviluppo della piccola e media industria e del settore terziario, richiamò operai, impiegati e professionisti da ogni regione d'Italia, così che la popolazione aumentò progressivamente, fino a raggiungere circa 33.000 unità.
Oggi la città, non più subordinata alla metropoli lombarda, ma ricca di risorse autonome, sta compiendo un grande sforzo per caratterizzarsi nel modo migliore, non soltanto in campo economico e sociale, ma anche urbanistico e culturale.

CERCA NEL SITO

SELEZIONATI PER VOI...

Tieniti aggiornato sugli avvenimenti nel parco