Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

www.comune.vignate.mi.it


Di probabile origini romane, come ci testimonia l’assetto stradale antico, Vignate deve il suo nome alla tipica coltivazione della vite, un tempo abbondante sulle sue terre. Il nome quindi è derivato con ogni probabilità dal termine latino vineo (vigna) e dal suffisso celtico –aite (luogo, contrada).

Il primo documento in cui è riportato il toponimo del paese è un atto notarile del 25 maggio 776 (steso dunque nel terzo anno del Regno di Carlo Magno in Italia) tra i sottoscrittori del quale si trova Guifredus de Vineate, missus domni regis.
Prima del Mille, come ci attesta una carta del 927, a Vignate possedeva dei fondi il Monastero Benedettino di Civate, che li aveva acquistati da Alcario, un vassallo di Sigefredo, Conte di Milano.
Un successivo diploma di Federico Barbarossa del 1162 conferma il possesso di terre da parte dell’Ente Monastico ance a Retenate, altra località del territorio vignatese.

Un atto notarile dell’8 luglio 1155 risulta rogato nel castrum de Vineate, e cioè nel castello o, più precisamente, nel luogo fortificato che sorgeva al centro del paese.
Agli inizi del 1200 risultano avere possedimenti in Vignate diversi enti ecclesiastici milanesi come i Monasteri Maggiore e Nuovo, le chiese di S. Tecla, di S. Maria Beltrade, di S. Stefano in Brolo, di S. Matteo alla Moneta, ma anche la chiesa di Gorgonzola e quella di Calcelate di Cernusco.

La stessa chiesa di S. Ambrogio, futura parrocchiale, possedeva in paese dei beni terrieri ed un canonicato. L’opinione che il borgo avesse in quell’epoca una certa importanza è suffragata anche dalla notizia che vi si teneva un mercato rurale, nel quale si scambiavano i prodotti agricoli non assorbiti in città.

Nell’alto medioevo Vignate faceva parte dell’antico contado della Bazzana, il quale però già nel XIV secolo fu assorbito da quello contiguo della Martesana. Sotto la Signoria Viscontea, ma ancor di più sotto quella Sforzesca, si ebbe nel Ducato Milanese un importante processo di trasformazione del territorio, che comportò una riorganizzazione di tutto il sistema agricolo.

L’apertura del Naviglio della Martesana (1457-1460) costituì, per l’area in cui si trova Vignate, il fatto più importante ed economicamente incisivo: già agli inizi del XVI secolo, infatti, i tre quarti del territorio del paese risultavano essere irrigui, grazie all’acqua derivata dal nuovo canale, cosa che contribuì in modo notevole all’incremento della produzione agricola. Spentosi con il tracollo della dinastia Sforzesca lo splendore culturale e artistico che aveva accompagnato l’epoca rinascimentale milanese, dal 1535, anno in cui le truppe dell’imperatore Carlo V presero possesso del Ducato, iniziò anche per Vignate un lungo periodo di dominazione straniera che durerà fino alla vigilia dell’unificazione italiana. Le vicende alterne del feudo di Melzo e Gorgonzola, cui il paese con le sue pertinenze apparteneva, lo coinvolsero dalla fine del XV secolo alla morte dell’ultimo feudatario, il Conte Antonio Teodoro Trivulzio, avvenuta il 26 luglio 1678.
In seguito ad essa, versando al governo spagnolo 48 lire per ogni famiglia, la Comunità Vignanese, a differenza della maggior parte delle altre terre che furono allora nuovamente infeudate, riuscì a redimersi (23 aprile 1691), cioè a liberarsi dai vincoli che la legavano al suo passato feudale.

Con le riforme introdotte nel XVII secolo dal governo austriaco le località di Vignate, Retinate, Gudo e Cascina Bianca, prima autonome, si fusero a formare un unico Comune.
San Pedrina, invece, restò indipendente e continuò ad esserlo fino al 1869 quando, con Regio Decreto, fu anch’esso definitivamente aggregato a Vignate.
 
Al primo censimento generale dell’Italia Unita (1861) si contarono nel comune 1254 residenti, pressoché tutti occupati nei lavori agricoli e ben due terzi dei quali dichiaravano di non saper né leggere né scrivere.
La metà dei terreni era coltivata a prato, l’altra metà a granoturco e frumento, con una piccolissima percentuale di risaie.
Rilevante era anche la produzione casearia. Negli anni del boom economico italiano, che fece seguito alla ricostruzione dopo la II guerra mondiale, si verificò anche a Vignate, a partire dalla fine degli anni Cinquanta, la nascita e la crescita di numerose attività artigianali e industriali.
Tale fenomeno comportò un esodo irreversibile di lavoratori dal settore agricolo a quello industriale. Il notevole incremento del numero di residenti e l’inevitabile e conseguente espansione edilizia, trasformò in buona parte un paesaggio rurale di indubbio valore, con il quale Vignate per secoli si era identificato.

Tra i personaggi che hanno dato lustro al paese è doveroso ricordare almeno: - Arderico da Vignate, vescovo di Lodi dal 1105 al 1127; - Antonio da retinate, cronista del XIII secolo; - Antonio Ratti e Stefano Baruffi, volontari garibaldini nell’epica impresa dei Mille; - Mons. Luigi Braghi, storico e fondatore della Congregazione delle Suore di S. Marcellina, per il quale è in atto il processo di beatificazione; - Don Giuseppe Gervasini, El Pret de Retenà, guaritore e taumaturgo di inizio secolo.

Nella chiesa parrocchiale di S. Ambrogio, già esistente nel XII secolo, si possono ammirare alcune opere artistiche di un certo pregio: anzitutto le quattordici grandi tele settecentesche della Via Crucis di scuola lombarda; un quadro ad olio di inizio ‘600 rappresentante S. Carlo Borromeo in abiti pontificali; un crocifisso ligneo della prima metà del XVI secolo.

 

Festa della Redenzione

Dal 1996 l’Amministrazione Comunale organizza durante la prima Domenica dopo Pasqua la “FESTA DELLA REDENZIONE” a ricordo di un evento storico di cui si riporta di seguito un breve traccia.
 
“Nel 1691 è avvenuta la redenzione della terra vignatese dal giogo feudale. In quell’anno, infatti, con il concorso economico di tutta la sua comunità Vignate riuscì a liberarsi per sempre dai vincoli che la legavano ad un passato feudale.
Da sette anni il paese rievoca questo importante avvenimento che fissa la festa alla domenica in albis, cioè la prima domenica dopo Pasqua.
 
Si tratta di una ricorrenza che non cade in una data fissa, ma è compresa tra il 29 marzo ed il 2 maggio e questo perché nel 325 d.C. il concilio di Nicea ha fissato la celebrazione del giorno di Pasqua la domenica successiva al primo plenilunio di primavera, domenica che può cadere dal 22 marzo al 25 aprile.
 
Nata con lo scopo di promuovere la riscoperta e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale del paese, la Festa propone la rievocazione di un importante avvenimento accaduto tre secoli or sono.
A seguito della morte del principe Antonio Teodoro Trivulzio (1678) il governo spagnolo aveva incamerato l’antico feudo di Melzo e Gorgonzola, di cui faceva parte anche Vignate. Poiché il governo spagnolo era costantemente alla ricerca di fondi per sanare il suo bilancio, dissanguato dalle continue guerre, aveva deciso di porre in vendita l’intero feudo, paese per paese, al miglior offerente.
 
In questi casi la Regia camera offriva alle comunità interessate la possibilità di godere del beneficio di redenzione, qualora fossero riuscite a raccogliere la somma stabilita; in caso contrario avrebbero dovuto accettare il dominio di un nuovo feudatario. La soluzione del riscatto, socialmente più vantaggiosa, comportava tuttavia un’esposizione finanziaria gravosa, cui difficilmente i vari paesi potevano far fronte.
 
Solo sette comunità, infatti, tra quelle comprese nel feudo di Melzo e Gorgonzola, riuscirono a riscattarsi. Tra queste anche Vignate che, avendo versato il 21 aprile 1691 le 48 lire imperiali stabilite per ogni famiglia, in totale 4.074 lire, ottenne due giorni dopo dal governo spagnolo di Milano la redenzione dai vincoli feudali.”

Cerca nel sito

Selezionati per voi...

Tieniti aggiornato sugli avvenimenti nel parco