Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

www.comune.settala.mi.it


Il Comune di Settala è situato in quella parte della Pianura Padana che si estende tra l'Adda ed il Lambro, a 18 Km. ad est di Milano. E' a 108 m. sul livello del mare ed ha una superficie di 17,50 Kmq. Oltre al capoluogo, il Comune comprende le frazioni di Caleppio (aggregata intorno al 1753) e di Premenugo (aggregata nel 1869).

Al censimento del 1751 emerge che l'apparato amministrativo del Comune, che contava circa 500 anime, era costituito dall'Assemblea di tutti i capi di casa della comunità, convocata dal Console almeno una volta all'anno in occasione della pubblicazione dei riparti, cui faceva riscontro un Consiglio più ristretto formato da un Console, un Sindaco (eletti dall'Assemblea suddetta) e da quattro Fittabili, delegati dei maggiori estimati, cui erano affidate mansioni di carattere esecutivo, mentre al Console ed al Sindaco erano delegate l'amministrazione e la conservazione del patrimonio pubblico.

Nel 1771 il Comune aveva una popolazione di 1244 abitanti, nel 1805 ne contava 1050, nel 1811 erano 1575, nel 1853 ammontavano a 1277. Dal censimento del 1931, il Comune figura con una popolazione di 2102 abitanti; nel 1951 gli abitanti erano 2567, nel 1971 3180, nel 1991 4905, per giungere agli attuali 6.404

Le origini della località si fanno risalire all'epoca romana, essendo stati ritrovati resti di una strada costruita ai tempi dell'Imperatore Tiberio (I secolo D.C.) e perché su di una medaglia di quell'Imperatore si legge il nome del duumviro Giulio Settala.

Nel Medioevo fu feudo di una della Famiglie più celebri della storia milanese, i Conti Settala, da cui il borgo ha appunto ereditato il nome. A questo nobile casato appartennero personaggi illustri, fra i quali spiccano S. Senatore, vescovo di Milano nel V secolo, Enrico, che ricoprì la stessa carica nel VII secolo, Ludovico, il famoso protofisico che nel 1576 curò la peste nel capoluogo lombardo. Nella chiesa milanese di S. Marco si può ammirare la pregevole tomba di famiglia dei Settala con il loro emblema araldico, divenuto poi lo stemma del Comune.

Nella storia locale non mancarono gli alti e bassi determinati dalle alterne vicende che caratterizzarono tutto il Milanese: il paese fu seriamente danneggiato dalla guerra che nel 1036 Corrado il Salico combatté contro l'Arcivescovo Ariberto d'Intimiano; fu poi talmente distrutto da Federico Barbarossa che resterà completamente disabitato per oltre mezzo secolo. Nel 1249 i Conti Settala decisero di riedificarlo ed affidarono la ricostruzione al canonico Ugone.

Cessato il dominio dei Settala, il feudo passò nelle mani dei Trivulzio, che si estinsero nel 1679; nel 1725 il possesso feudale passò al Marchese Brusati di Torino, i cui discendenti sono tuttora viventi.

Dei secoli passati rimangono alcune testimonianze, come la torre merlata di un palazzetto del XII secolo a Cascina Castello, con un portico e finestre ad arco, e la Parrocchiale, fatta costruire dai Conti Settala nel 1108 e nella quale sono custoditi pregevoli quadri di scuola lombarda. In una raccolta araldica riportata da Marco Cremosano nel secolo XVII, si trova dipinto lo stemma del Comune di Premenugo (d'azzurro alla finestra bifora di pietra al naturale).

La parrocchia di Settala è intitolata a S. Ambrogio, quella di Premenugo a S. Tommaso e quella di Caleppio a S. Agata.

Il Comune di Settala ha dato, alla Grande Guerra 1915/1918, 38 Caduti e 2 Decorati al valor militare.

Alla tradizionale attività agricola, si è ormai quasi completamente sostituita l'industria, presente in numerose aziende operanti soprattutto nei settori dell'edilizia, delle materie plastiche, della chimica e della meccanica.

Lo stemma ed il gonfalone del Comune sono stati concessi con Decreto del Presidente della Repubblica nel 1978, e sono così descritti:
Stemma: di rosso a sette semivoli d'oro disposti in fascia (3,3,1); il tutto abbassato da un capo d'oro caricato da un'aquila di nero dal volo spiegato coronata del campo. Ornamenti esteriori da Comune.Gonfalone: drappo troncato di rosso e di giallo riccamente ornato di ricami d'argento e caricato dello stemma sopra descritto con la iscrizione centrata in argento: Comune di Settala. Le parti di metallo ed i cordoni saranno argentati. L'asta verticale sarà ricoperta di velluto dei colori del drappo, alternati con bullette argentate poste a spirale. Nella freccia sarà rappresentato lo stemma del Comune e sul gambo inciso il nome. Cravatta e nastri tricolorati dai colori nazionali frangiati d'argento.

Cerca nel sito

Selezionati per voi...

Tieniti aggiornato sugli avvenimenti nel parco