Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

CORBETTA: il Museo Pisani Dossi

Alberto Pisani Dossi fu un uomo dai molteplici interessi culturali.

Noto come scrittore con lo pseudonimo di Carlo Dossi cominciò a scrivere all’età di sette anni e a pubblicare a sedici.

Esponente di spicco della Scapigliatura lombarda scrisse su periodici locali e realizzò opere come : "l’Altrieri –nero su bianco ","Vita di Alberto Pisani  scritta da Carlo Dossi" , "Note azzurre " e molte altre.
Finanziò anche un proprio periodico ove collaborarono scrittori come Rovani e persino Giosuè Carducci.
La sua vocazione politica però non fu di minor importanza. Laureatosi in Giurisprudenza all'Università di Pavia iniziò la carriera diplomatica collaborando con il  governo di Francesco Crispi .
Divenne  Console a Bogotá , Ministro Plenipotenziario ad Atene e negli ultimi anni di vita Governatore dell’Eritrea a cui ha dato il nome.
Dopo la morte di Francesco Crispi si ritirò a Corbetta dove si dedicò all’archeologia, un’altra sua passione.
Nacque così il Museo archeologico.

Attualmente Alberto Pisani Dossi è stato inserito nella lista dei 150 più illustri funzionari dello Stato.

 

Il museo archeologico Alberto Pisani Dossi

Il museo può essere suddiviso in due blocchi principali che si trovano in parti distinte del palazzo: al piano superiore si trova la collezione che è costituita da materiale proveniente da Roma, Colombia e Grecia dove il Dossi aveva soggiornato per incarichi diplomatici.
Al piano terra si trova il museo vero e proprio, con i reperti rinvenuti durante gli scavi effettuati dallo stesso a Corbetta e presso Riazzolo ed Albairate. Il materiale è catalogato e suddiviso per luogo di rinvenimento e per tomba, con indicazioni della località, della data di scoperta e con una breve descrizione del reperto. Dove è stato possibile, inoltre, si sono ricostruite le tombe con i corredi funebri ritrovati, databili quasi tutti attorno al I secolo a.C.
Il museo ha una particolarità: esso è stato lasciato esattamente come lo ha voluto il Dossi e ha il merito di essere stato il primo museo didattico in italia.
 
 
 
 

CERCA NEL SITO

SELEZIONATI PER VOI...

Tieniti aggiornato sugli avvenimenti nel parco