Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando su qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Provenendo dal centro di Cisliano, seguite la SP 114 verso Albairate e appena usciti dal paese troverete questa importante Cascina situata in un'area ancora verde e intatta; l'ambiente rurale nel quale s'inserisce è enfatizzato dall'attuale condizione dei fabbricati che la compongono, che necessiterebbero di un restauro: la parte più antica della Cascina è probabilmente cinquecentesca ma il grande portale d'accesso a bugnato ha già tutta l'imponenza del Barocco.

Al centro della Cascina, tra fabbricati moderni, sorge l'importante chiesa dedicata ai Santi Bernardo, Macario e Bordono: è una delle più antiche del territorio di Cisliano, risalente alla metà del XVI secolo.Compare già nelle visite pastorali dell'epoca di S. Carlo ed era officiata da un Cappellano poco istruito e non in linea coi precetti tridentini: addirittura il Cardinale Federico Borromeo che voleva visitare la chiesa la trovò chiusa.

La più antica descrizione l'abbiamo dunque dalle visite settecentesche del Cardinale Pozzobonelli: la chiesa era rettangolare con altare decorato da un dipinto; è in sostanza la stessa chiesa che vediamo oggi, che conserva all'interno affreschi cinquecenteschi con la Vergine, il Bambino e Santi Bernardo e Ambrogio. L'esterno ha un interessante struttura ad arcate cieche sorrette da semipilastri (lesene) dorici e un'apertura circolare sopra la porta d'accesso con cornice in mattoni. La stessa tipologia decorativa è nel campanile: non si tratta di un edificio particolarmente pregevole per qualità costruttiva, ma interessante per la volontà di razionalizzare ed ingentilire la muratura attraverso aperture regolari, un tentativo tutto rinascimentale di misurare lo spazio che risente ancora del gusto decorativo quattrocentesco.

Una lapide murata sopra la porta indica che la chiesa è di patronato della famiglia Resta, di cui compare lo stemma, ed è datata 19 Agosto 1569: probabilmente data di erezione della chiesetta. La storia dell'edificio e la sua originalità, oltre al contesto nel quale sorge, ancora intatto, e la presenza di affreschi ancora ben visibili alcuni decenni fa, rendono necessario un adeguato restauro e la valorizzazione di questa elegante ed antica chiesa rurale.

dal sito www.parconaviglio.com

Cerca nel sito

Selezionati per voi...

Tieniti aggiornato sugli avvenimenti nel parco